Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Televisione’ Category

Fonte: Repubblica

“Molti lo ricorderanno per la celebre serie tv americana. Lui era “Il mio amico Arnold”. Storie di due fratelli afroamericani di 8 e 13 anni adottati da un ricco uomo d’affari. Una serie che aprì a Coleman (alto appena 1 metro e 30 a a causa di una disfunzione renale) le porte della notorietà e del successo. Un tentativo anche in politica dove partecipò alle primarie della California per diventare governatore. Poi l’oblio. Gary Coleman è riapparso su alcuni siti internet: oggi firma e vende capi d’abbigliamento da ginnastica per ragazzi”

arnold.jpg

Domanda: ma non era meglio continuare a ricordarselo imberbe, innocente e pulito?

Now the world don’t move to the beat of just one drum
What might be right for you, may not be right for some
A man is born, he’s a man of means
Then along come two, they got nothin’ but their jeans
But they got Diff’rent Strokes
It takes Diff’rent Strokes
It takes Diff’rent Strokes to move the world
Everybody’s got a special kinda story
Everybody finds a way to shine
It don’t matter that you got not a lot – so what?
They’ll have theirs, you’ll have yours and I’ll have mine
And together we’ll be fine,
Cause it takes Diff’rent Strokes to move the world, yes it does
It takes Diff’rent Strokes to move the world!

Read Full Post »

sospeso_decameron.jpg

La frase incriminata:

“Dopo 4 anni guerra in Iraq, 3.900 soldati americani morti, 85.000 civili iracheni ammazzati e tutti gli italiani morti sul campo anche per colpa di Berlusconi, Berlusconi ha avuto il coraggio di dire che lui in fondo era contrario alla guerra in Iraq. Come si fa a sopportare una cosa del genere? Io ho un mio sistema, penso a Giuliano Ferrara immerso in una vasca da bagno con Berlusconi e Dell’Utri che gli p… addosso, Previti che gli c… in bocca e la Santanchè in completo sadomaso che li frusta tutti”.

La nota della redazione di La7, arrivata nella tarda serata di ieri: (altro…)

Read Full Post »

Visti i recenti toni cupi, mi sono fatta una full immersion nelle notizie che provengono dalla Holliwood de’ noiattri: Cinecittà.

Leggo che Thais Wiggers, bionda velina di striscia la notizia, aspetta un bambino da Teo Mammuccari. Fin qui niente di male. Senonchè hanno ben pensato di fare un sondaggio per vedere la gente chi vorrebbe al suo posto accanto alla mora Melissa Satta. Ebbene, con il 50% (cinquanta) dei voti vince il sondaggio…. rullo di tamburi… Loredana Lecciso. Avete capito bene, Loredana Lecciso. Quella che balla che sembra un tronchetto della felicità, quella che non fa altro che toccarsi le zinne e aggiustarsi il vestito, quella che… insomma lei, che di recente si è voluta far vedere dal ginecologo direttamente dal piccolo schermo.

Read Full Post »

“L’esordio è stato un trionfo paragonabile alla fine della Seconda guerra mondiale, ma senza il bombardamento di Dresda. Grazie a tutti. Stasera su La7 la replica della prima puntata. Così avete l’occasione di perderla di nuovo.”

luttazzi_decameron.jpg

by Daniele Luttazzi

Read Full Post »

Non volevo vedere questa serie tv. A-S-S-O-L-U-T-A-M-E-N-T-E!

Ne vedo troppa di questa roba, ora è pure ripartita una mamma per amica, e Dr House mi passa in programmazione su Canale 5. Grey’s Anatomy è arrivato a livelli di telenovela eccessivi e Lost è appena sbarcato su sky con la terza serie

Alla fine ho ceduto e la domenica sera, al ritorno dalle partite di basket, sprofondo sul divano davanti alla tv, avida di sapere come va a finire questa anomalia genetica che porta certa gente ad avere particolari doti.

C’è il reietto invisibile, il politico che vola. Un poliziotto che legge il pensiero e una bellocciona che ha un alter ego violento. Un ex drogato sa dipingere il futuro mentre un altro ancora VIENE dal futuro ed è il pezzo meglio: Hiro, giapponesino dalla faccia tonda e simpatica, accompagnato dal meno entrante Ando (da me ribattezzato VADO!!!).

heroes.jpg

Non lo volevo vedere perchè odio gli X-men e sulla stessa falsa riga di Heroes ho già visto un paio di serie di 4400 (giusto! ancora non conosco come va a finire!).

Poi è assurdo che tutti gli eventi paracatastrofici televisivi prevedano o una bomba su New York o direttamente l’esplosione degli interi Stati Uniti d’America. I soliti megalomani.

Comunque alla fine so come mai ho ceduto… ehhhh… il motivo si chiama Milo Ventimiglia. Non è certo un adone, ma a parte il nome ha un visino adorabile. Era Jess Mariano, fidanzato ribelle di Rory in Una mamma per amica, che dopo un paio di stagioni abbandonò la serie lasciandomi in un mare di lacrime. Per poi scoprire che per quattro anni sono stati davvero insieme nella vita reale. Semplicemente delizioni! Lui ancora non ha cambiato pettinatura e tiene il ciuffone sugli occhi…ah…che ricordi..

Insomma… SALVA LA CHEERLEADER, SALVA IL MONDO!

 

Read Full Post »

Chi l’ha visto?

logo-chi-lha-visto.jpg

 Riparte per me l’appuntamento settimanale con Chi l’ha visto. Un programma che ha rappresentato la naturale evoluzione di “Dove sei?” rubrica del programma “Portobello” di Enzo Tortora.

Una giovanissima Donatella Raffai (ancora lontana dallo scandalo dei permessi falsi) iniziò nel lontano 1989 occupandosi di persone scomparse e conducendo la trasmissione come fosse un vero e proprio caso di polizia. Ma con la chiusura del programma “Telefono giallo” di Corrado Augias e con l’arrivo di altre conduttrici (Giovanna Milella, Marcella De Palma morta giovanissima di tumore, e Daniela Poggi) la trasmissione ha sempre più piegato verso un format socio-politico, con delle punte pseudo-giudiziarie sullo stile di “Un giorno in pretura”, passando da Pacciani a Provenzano, dalla strage del Circeo al mostro di Foligno.

Poi ci sono i casi storici: le scomparse di Elisa Claps e Angela Celentano non sono mai (e dico mai) passate di moda come invece succede per i nostri telegiornali, le più recenti Denise Pipitone o i fratellini scomparsi da Gravina, passando per la piccola Maddie. Questi i nomi più famosi, ma tanti e dico davvero tanti piccoli grandi drammi quotidiani, passano sullo schermo. Se uno li conta non ci si crede. E è bello pensare che a qualcuno interessi davvero.

Read Full Post »

Tutti nudi

Venerdi sera torno a casa da lavoro tardi. Sono molto stanca e rinuncio con gran dispiacere a un’uscita con un’amica. Guarderò un po’ di TV.

In genere la terza serata è la fascia oraria che offre i programmi di miglior qualità. Scorro i canali e mi imbatto in un format di Mtv mai visto: “tutti nudi”. Ne avevo sentito parlare ma non ne avevo ancora realizzato la profondità mediatica.

E’ sostanzialmente l’ultima versione dell’altro fetish della tv giovanile, the club: giovani ragazzi che si pubblicizzano e lasciano il loro nick per essere contattati e conoscere così nuova gente.

“Descriviti con tre aggettivi!”

Le donne rispondono sempre: “Sono una ragazza DOLCE SIMPATICA SOLARE!”

Gli uomini hanno due formati: il romanticone “SERIO SINCERO FEDELE” e lo sciupafemmine “CASINISTA DINAMICO IRRESISTIBILE!!!”.

“Tutti nudi” è praticamente la stessa cosa solo che durante l’appello televisivo (sostanzialmente sos amorosi) questi ragazzi possono spogliarsi integralmente.

O mio Dio! Innanzitutto quando un autore decide di fare un programma così lo fa perchè vuole essere in qualche modo rompere le righe, poi però il perbenismo all’italiana fa si che tutto venga censurato da tanti pallini neri qua e là. Non volevo certo vedere questi ragazzi nudi, ma allora che senso ha?

Seconda cosa ieri sera penso di aver visto tre performance straordinarie.

LEI. E’ una bellissima ragazza, mi pare di Santo Domingo, 120 cm di gamba (mi scavalca senza problemi!). Parla bene di sè, male degli uomini italiani, e allestisce uno spogliarello molto sensuale agitandosi tutta su una delle hit del momento. Alla fine decide di non spogliarsi integralmente e rimanere in slip, con due pallini neri a coprire il sopra. Visibilmente soddisfatta. Saranno contenti i genitori, un po’ meno la volatile conduttrice perchè la tipa è rimasta parzialmente vestita.

PRIMO LUI. E’ un contadino, o per lo meno si spaccia per tale. Si presenta vestito con salopette e cappello di paglia, pagliuzza di fieno in bocca. Si autocelebra come ragazzo SEMPLICE, CONTADINO, e ancora SEMPLICE; si spoglia integralmente. E’ bucolicamente divertito. Anche la conduttrice apprezza il total naked.

SECONDO LUI. E’ un ragazzo italiano, con una buzzetta non indifferente e una buona parlantina. Balla bene e la presentatrice è contenta anche del suo nudo totale. Io osservo divertita (??) però no eh.. cara la mia conduttrice… guarda bene.. non fare troppi complimenti.. questo non è un nudo integrale… il tipo che balzella sul palco è rimasto COL CALZINO! Uno spugnone bianco! Che fa tanto hard core….

Read Full Post »

Older Posts »